www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Indice del set di radar

AN/TPY-4

Descrizione del sistema radar, caratteristiche tattiche e tecniche

Immagine 1: AN/TPY-4

Immagine 1: AN/TPY-4

Caratteristiche tecniche
frequenza di lavoro: 1 215 … 1 400 MHz
(banda L)
tempo di ripetizione
dell’impulso (PRT):
frequenza di ripetizione
dell’impulso (PRF)
:
durata degli impulsi (τ):
tempo di ricezione:
tempo morto:
potenza di picco:
potenza media:
portata strumentata 300 NM (≙ 556 km)
risoluzione in distanza:
precisione:
larghezza del fascio d’antenna:
numero di impulsi sul bersaglio:
velocità di rotazione: 6 min⁻¹
MTBCF:
MTTR:

AN/TPY-4

L’AN/TPY-4 è un radar AESA (Active Electronically Scanned Array) tridimensionale operante in banda L (designazione IEEE) o in banda D (designazione NATO), in grado di tracciare satelliti, rilevare sistemi aerei senza pilota (UAS) a bassa altitudine e cercare e tracciare missili balistici. È stato scelto dall’aeronautica statunitense per sostituire il radar AN/FPS-75.

L’AN/TPY-4 utilizza il beamforming digitale e può ruotare di 360 gradi o operare in modalità non rotante con una copertura di 90 gradi e un raggio di rilevamento massimo di 1.000 chilometri. L’antenna è composta da 1.152 radiatori individuali in tecnologia GaN (nitruro di gallio). L’AN/TPY-4 è in grado di rilevare e tracciare bersagli aerei a un’altitudine di 30 chilometri e bersagli marini a un angolo del fascio di -6 gradi, supportando così la sorveglianza marittima a terra. Può tracciare bersagli fino a 90 gradi di elevazione (senza cono del silenzio) per supportare l’ingaggio di missili balistici tattici.

Il radar è disponibile in varianti fisse e mobili e può essere trasportato con C-130, C-17, camion, ferrovia o elicottero.

Fonti: