www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Indice del set di radar

Indra

Descrizione del sistema radar, caratteristiche tattiche e tecniche

Immagine 1: Indra I, un radar mobile 2D, qui mostrato durante una parata dell’aeronautica dello Sri Lanka
© 2012 Chamal Pathirana

Immagine 1: Indra I, un radar mobile 2D, qui mostrato durante una parata dell’aeronautica dello Sri Lanka
© 2012 Chamal Pathirana

Caratteristiche tecniche
Indra I
(GRL 600)
Indra II
(GRL 610)
frequenza di lavoro: banda L
tempo di ripetizione
dell’impulso (PRT):
frequenza di ripetizione
dell’impulso (PRF)
:
durata degli impulsi (τ): 3,2 µs6,6 µs
tempo di ricezione:
tempo morto:
potenza di picco: 40 kW100 kW
potenza media:
portata strumentata 50 km90 km
risoluzione in distanza:
precisione:
larghezza del fascio d’antenna:
numero di impulsi sul bersaglio:
velocità di rotazione: 16 min⁻¹
MTBCF:
MTTR:

Indra

L’Indra (Indian Doppler Radar) è un radar 2D tattico a medio raggio che opera in banda L per la difesa aerea. Viene utilizzato dalle forze aeree come gap filler contro bersagli a bassa quota. Il radar è stato sviluppato negli anni ’80 e soddisfa i requisiti dell’esercito indiano. Fornisce un’accurata determinazione delle coordinate bidimensionali.

Indra utilizza un’antenna parabolica a scansione meccanica con un elevato guadagno d’antenna e lobi laterali relativamente bassi. Il radiatore primario è un radiatore a tromba corrugata che può utilizzare diversi tipi di polarizzazione. Un IFF è integrato nell’antenna principale.

Indra I è un classico radar a impulsi e utilizza due camion per il trasporto. Indra II utilizza la compressione degli impulsi ed è distribuito su tre camion. Può essere integrato in una rete di difesa aerea e utilizza sistemi di comunicazione computerizzati via satellite, cavo a fibre ottiche o ponte radio. Entrambe le varianti possono essere trasportate su strada, ferrovia o aereo.

Galleria di immagini di Indra

Immagine 2: Indra II