www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Indice del set di radar

AN/FPS-108 „Cobra Dane“

Descrizione del sistema radar, caratteristiche tattiche e tecniche

Immagine 1: AN/FPS-108 auf Shemya Island, Alaska (USA)
(52°44’12.60" N ,  174°05’28.17" O)

AN/FPS-108 - Source: National Archive# NN33300514 30 Jun 2005 Released to Public

Immagine 1: AN/FPS-108 auf Shemya Island, Alaska (USA)
(52°44’12.60" N   174°05’28.17" O)

Caratteristiche tecniche
frequenza di lavoro: 1175 bis 1375 MHz
banda L
tempo di ripetizione
dell’impulso (PRT):
frequenza di ripetizione
dell’impulso (PRF)
:
durata degli impulsi (τ): 1 o 2 ms
tempo di ricezione:
tempo morto:
potenza di picco: 16 MW
potenza media: 1 MW
portata strumentata 46 000 km
risoluzione in distanza:
precisione:
larghezza del fascio d’antenna: 0,6˚
numero di impulsi sul bersaglio:
velocità di rotazione:
MTBCF:
MTTR:

AN/FPS-108 „Cobra Dane“

„Cobra Dane“ è un radar phased array installato in una base aerea sull’isola di Shemya, nelle isole Aleutine. La sua missione è rilevare e tracciare missili balistici intercontinentali (ICBMs), missili balistici lanciati da sottomarini (SLBMs) e satelliti. Sostituì due tipi di radar più vecchi (AN/FPS-17 e AN/FPS-80) che furono poi utilizzati per altri compiti di ricognizione spaziale.

L’antenna Phased Array, molto grande e immobile, ha un diametro di circa 30 metri e contiene un totale di circa 35 000 moduli di trasmissione/ricezione, tra cui circa 15 000 trasmettitori attivi. Il sistema monitora un settore circolare lungo 3 220 km in direzione ovest per ottenere dati sui lanci di razzi nella Federazione Russa e nei Paesi affiliati. Fornisce un avviso tempestivo di lancio di missili, rileva nuovi satelliti e aggiorna le traiettorie dei satelliti noti.

Il radar è progettato per monitorare un’area di ±120° dall’asse centrale dell’antenna. Nella sua funzione di sorveglianza spaziale, il „Cobra Dane“ ha un raggio d’azione di 46 000 km. Nella sua funzione di radar di ricognizione per i lanci di razzi, il „Cobra Dane“ può tracciare fino a 100 oggetti contemporaneamente, 20 dei quali con maggiore precisione. I dati vengono elaborati presso la stazione aerea di Eareckson, sull’isola di Shemya, e inviati all’USAF Foreign Technology Division (in seguito: National Air and Space Intelligence Center) tramite un collegamento radio direzionale troposferico. Come radar di preallarme, il „Cobra Dane“ è in grado di tracciare 200 bersagli e di trasmetterne i dati al quartier generale del NORAD. Quest’ultimo permette di calcolare i punti di impatto balistico dei missili intercontinentali sul continente americano.

La potenza di trasmissione è fornita da 12 stadi di uscita del trasmettitore, ciascuno dotato di 8 tubi ad onda progressiva con una linea di ritardo ad anello. I tubi a onde convogliate sono Raytheon QKW-1723, ciascuno con una potenza d’impulso di 175 kW e una potenza media di 10,5 kW.[1]. Il radar utilizza una modulazione intraimpulso con modulazione di frequenza lineare con una larghezza di banda di trasmissione di 200 MHz (up-chirp). Il prodotto tempo-larghezza di banda, che determina il potere risolutivo di questo principio radar, è TB = 200 000, che consente una risoluzione di portata di 3,75 piedi inglesi (equivalenti a 115 cm) con una pendenza di 0,2 MHz per nanosecondo. La prima frequenza intermedia (IF) del ricevitore è 490 MHz (all’uscita del mixer di correlazione) e la seconda IF è 60 MHz.[2]

La Divisione Sistemi Elettronici dell’USAF è responsabile del funzionamento del radar. Il progetto è stato approvato nel 1971, la gara d’appalto è stata indetta nel 1972 e il finanziamento è stato approvato nello stesso anno. Il contratto è stato assegnato a Raytheon per 39,6 milioni di dollari. I test ebbero successo nel 1976 e il sistema fu pienamente operativo nel 1974. Il primo aggiornamento ha riguardato la tecnologia informatica con hardware e software. È stato utilizzato il linguaggio di programmazione di alto livello ADA. Dopo la modernizzazione, è stato possibile elaborare fino a 12 000 oggetti nello spazio, invece dei 5 000 precedenti. Le attività di osservazione dello spazio e dello spazio aereo possono ora essere eseguite simultaneamente, cosa che prima era impossibile a causa della potenza di calcolo insufficiente. L’ammodernamento completo è stato completato nella primavera del 1994.

Un radar con un’architettura simile al „Cobra Dane“, l’AN/SPQ-11Cobra Judy”, è installato sulla nave Observation Island della Marina statunitense, di stanza nell’Oceano Pacifico. Tuttavia, questo radar opera in banda S.

Fonti e ulteriore letteratura:

  1. Merrill Ivan Skolnik: “Introduction to Radar Systems” McGraw-Hill Companies, 1980, ISBN 0-07-057909-1, p. 207
  2. E. Filer and J. Hartt, “„Cobra Dane“ wideband pulse compression system”, IEEE EASCON’76, 1976, pp. 61-A-61-M.
Galleria di immagini di „Cobra Dane“

Immagine 2: Primo piano dei trasmettitori del radar „Cobra Dane“.

Immagine 3: "Cobra Judy" sul retro della nave Observation Island della Marina statunitense.