www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Radar Basics

Origine del termine „Radar“

Figura 1: Memorandum dell'ammiraglio H. R. Stark che ordina l'uso dell'acronimo „radar“ nelle future comunicazioni sull'argomento.

Figura 1: Memorandum dell'ammiraglio H. R. Stark che ordina l'uso dell'acronimo „radar“ nelle future comunicazioni sull'argomento.

Origine del termine „Radar“

Il termine „radar“ è stato coniato da „radio detection and ranging“, uno dei titoli utilizzati dall'NRL per questo campo di lavoro, dall'LCDR F. R. Furth e dall'LCDR S. M. Tucker, che condividevano la responsabilità del programma di approvvigionamento originale della Marina. L'LCDR Furth (poi RADM Furth) e l'LCDR Tucker (poi RADM Tucker), mentre erano in servizio presso il Dipartimento della Marina, idearono l'acronimo e si attivarono per metterlo in pratica. La suddetta lettera, datata 10 novembre 1940 e firmata dall'ADM H. R. Stark, all'epoca Capo delle Operazioni Navali, rese ufficiale il termine. In seguito, sia l'LCDR Furth che l'LCDR Tucker, in qualità di capitani, divennero direttori dell'NRL (CAPT Furth, dal 1949 al 1952, CAPT Tucker dal 1955 al 1956). Il capitano Furth divenne capo della ricerca navale con il nome di ADM Furth (dal 1954 al 1956). Il termine radar entrò rapidamente nell'uso comune, anche se gli inglesi mantennero i termini „radiolocation“ („radiolocalizzazione“) e „RDF“ per il loro lavoro in questo campo fino al 1943, quando il termine „radar“ fu adottato attraverso un accordo internazionale.

Fonte: Louis A. Gebhard, in 'Evolution of Naval Radio-electronics and Contributions of the Naval Research Laboratory' 1979, pagina 170 (stampata) o pagina 186 (versione pdf online)