www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Radar Basics

Radar di controllo di tiro o radar di inseguimento del bersaglio

Figura 1: Radar di controllo die tiro HARD on con il tedesco LeFlaSys (STN ATLAS Elektronik GmbH), qui con il sistema d'arma ASRAD.

Figura 1: Radar di controllo di tiro HARD on con il tedesco LeFlaSys (STN ATLAS Elektronik GmbH), qui con il sistema d'arma ASRAD.

Radar di controllo di tiro o radar di inseguimento del bersaglio

I dispositivi radar che tracciano continuamente un singolo bersaglio sono chiamati „radar di inseguimento del bersaglio“. Questi dispositivi sono di solito utilizzati per controllare i sistemi d'arma, motivo per cui sono spesso indicati come „radar di controllo di tiro“. Misurano le coordinate di un obiettivo, determinano la sua traiettoria e cercano di prevedere la sua prossima posizione. Per fare questo, spesso possono lavorare solo su un singolo bersaglio, ma lo fanno con estrema precisione. Il radar di tracciamento del bersaglio è spesso usato militarmente come radar di controllo del fuoco. Nell'uso militare, i due nomi sono anche usati in modo intercambiabile.

Ci sono due metodi diversi per seguire un bersaglio con il radar:

  1. Track-while-scan
    (inseguimento e ricerca simultanea del bersaglio) Qui, il radar funziona principalmente come un radar di ricognizione e cerca bersagli in un settore più ampio. Se viene rilevato un bersaglio, il radar cerca di tracciare la sua traiettoria. Con questo metodo, si possono elaborare diversi obiettivi. Il metodo monopulsato è di solito usato per questo scopo.
  2. Tracciamento continuo dell'obiettivo
    Qui, il radar è specializzato nell'inseguimento diretto del bersaglio ed è fortemente limitato nella funzione di ricerca del bersaglio. Pertanto, viene spesso utilizzato un radar aggiuntivo per l'assegnazione dei bersagli. In questo modo, viene tracciato un solo bersaglio. Questi radar possono anche utilizzare il vecchio metodo di scansione conica.

I radar di controllo di tiro tipicamente operano con un diagramma d'antenna molto stretto e focalizzato, usano una frequenza di ripetizione degli impulsi molto alta e un impulso di trasmissione estremamente breve. Mentre queste caratteristiche si traducono in una precisione molto elevata nel tracciamento dei bersagli, riducono la portata e quindi rendono difficile la ricerca dei bersagli in un settore più ampio.

I radar di controllo di tiro devono prima dirigere le loro antenne nella direzione del bersaglio da ingaggiare a causa di questa forte focalizzazione. Questo processo inizia con un modello di antenna molto ampio. Questa fase di ingaggio del bersaglio è chiamata ricerca del bersaglio. Una volta che il bersaglio è stato raccolto, un modello di antenna più stretto viene commutato per raccogliere il bersaglio. Una volta che il bersaglio è stato captato dallo stretto schema dell'antenna, il radar passa alla modalità scorta del bersaglio. Il radar segue ora tutte le manovre del bersaglio e i sistemi d'arma sono allineati al bersaglio. (Queste tre fasi sequenziali di funzionamento sono spesso chiamate modalità e sono le stesse (o almeno simili) alla sequenza di elaborazione del bersaglio della maggior parte dei radar di controllo di tiro.

Track-while-scan è un metodo che combina le funzioni di ricerca del bersaglio e di inseguimento del bersaglio. Il radar può tracciare più bersagli simultaneamente. Questo metodo è utilizzato nei sistemi radar di controllo del traffico aereo che utilizzano informazioni simultanee dal radar secondario. (Le loro funzioni più dettagliate sono spiegate nella sezione Elaborazione del segnale radar). I radar di sorveglianza nella difesa aerea non possono fare affidamento su queste informazioni radar secondarie. Questi radar cercano i bersagli in un settore e ogni volta che il radar rileva un bersaglio, calcola la sua distanza, velocità, angolo laterale e angolo di elevazione. Dopo diversi cicli successivi, il radar può costruire un percorso preciso del bersaglio.

Questo percorso accurato del bersaglio può quindi essere utilizzato per calcolare (nel caso della sicurezza aerea civile) una rotta sicura senza rischio di collisione, o (nel caso di un'applicazione militare) il punto esatto di impatto con il piombo necessario per la difesa aerea.