www.radartutorial.eu www.radartutorial.eu Radar Basics

Diagramma a blocchi universale del radar a impulsi

Figura 1: Diagramma a blocchi universale del radar a impulsi

Questo schema a blocchi può essere usato per le vostre lezioni, ma non ci sono nomi di blocchi nell'animazione e non c'è un'immagine di sfondo (paesaggio). Questi nomi di blocchi possono essere messi in un livello proprio sopra l'animazione in MS-PowerPoint, per esempio, con caselle di testo nella vostra versione linguistica. Per una presentazione con un colore di sfondo chiaro, potete usare la seguente animazione: pulseradar-bright.gif (940×650px, 683 kByte).

Descrizione dei moduli del diagramma a blocchi
Sincronizzatore

Il sincronizzatore radar alimenta tutte le marche temporali, gli impulsi di trigger e gli interruttori con l'impulso di trigger del trasmettitore. Determina il punto di partenza della trasmissione dell'onda radar.

Generatore di onde

Nei moderni radar, il generatore di segnali genera un segnale complesso di frequenza intermedia, compresa la durata dell'impulso. Nei primi radar a impulsi, era integrato nel modulatore come una rete di formazione degli impulsi.

Modulatore

Nei moderni radar, il modulatore converte l'onda del trasmettitore nella frequenza portante del trasmettitore. Nei radar più vecchi, produceva solo un impulso ad alta tensione di lunghezza definita variando la tensione anodica del tubo trasmettitore auto-oscillante.

Trasmettitore

Il trasmettitore genera l'energia per l'impulso radar. Forme d'onda complesse sono amplificate alla potenza richiesta in un amplificatore ad alta potenza, mentre semplici impulsi ON/OFF non modulati sono generati in un tubo ad alta potenza auto-oscillante come un magnetron.

Duplexer

Il duplexer è un interruttore di trasmissione-ricezione. Permette all'impulso di passare all'antenna durante la trasmissione, mentre impedisce al segnale di raggiungere il ricevitore molto sensibile, e poi permette agli echi di ritorno di passare dall'antenna al ricevitore con la minor perdita possibile.

Controllo della sensibilità temporale

Il controllo della sensibilità in funzione del tempo è un controllo del guadagno del segnale in funzione del tempo. Nell'area di copertura del radar vicino, gli echi sono molto forti, quindi un piccolo guadagno è sufficiente. A grandi distanze, i segnali di eco sono estremamente deboli, quindi il guadagno deve essere impostato al massimo. Per non saturare il ricevitore, questa regolazione deve essere fatta il più presto possibile nella gamma delle alte frequenze. Nella maggior parte dei casi, un limitatore supplementare è integrato per proteggere gli stadi sensibili del preamplificatore a basso rumore nel ricevitore.

Ricevitore

Il ricevitore converte i segnali ad alta frequenza in una frequenza intermedia (IF) che è più facile da elaborare. A questa frequenza, solo la parte che contiene le informazioni dell'eco viene estratta. Per ottenere la migliore gamma dinamica possibile, la maggior parte degli amplificatori sono logaritmici.

Processore di segnali radar

Il processore del segnale radar elabora gli echi in tempo reale. Gli echi possono già essere digitalizzati a questo livello, ma sono sempre in un rapporto temporale fisso rispetto all'impulso trasmesso. Si possono usare numerosi filtri in parallelo, dai quali il segnale di uscita è quello con il più alto rapporto segnale-rumore. Per l'ulteriore elaborazione dovrebbe essere trasmesso il nome del filtro utilizzato, poiché questo è un fattore importante per l'identificazione del bersaglio.

Processore di dati radar

Il processore di dati radar elabora solo la trasformazione digitale dell'eco. Poiché l'elaborazione delle diverse lunghezze non ha una relazione fissa con l'impulso del trasmettitore, questi dati non sono più in tempo reale. A questo scopo, al set di dati è stata data una marca temporale all'inizio dell'elaborazione in modo che i dati possano essere visualizzati secondo il loro corretto riferimento temporale.

Indicatore radar

Una varietà di dispositivi sono disponibili per la visualizzazione dei ritorni radar. L'esempio qui è un semplice A-scope analogico. La deflessione lineare in X rappresenta la distanza radar-bersaglio ed è determinata dal tempo di propagazione delle onde elettromagnetiche verso e da esso. Il rilevamento e l'intensità dell'eco sono la posizione dell'inizio della deflessione verticale. I ritardi dovuti al periodo di trasmissione nei circuiti interni dell'oscilloscopio sono compensati.